La nostra Associazione ha messo a punto un accordo con il Policlinico Umberto I di Roma per la crioconservazione del seme.

La crioconservazione di spermatozoi è una tecnica che consente di mantenere gli spermatozoi in uno stato vitale, utilizzando temperature criogeniche (–196 °C , in azoto liquido).
Questo trattamento consentirà alla coppia in futuro di poter utilizzare gli spermatozoi al fine di accedere ad una delle tecniche di procreazione medicalmente assistita.

La crioconservazione degli spermatozoi è utile per pazienti a rischio di sterilità temporanea o definitiva : affetti da patologie urologiche che si devono sottoporre a interventi chirurgici in grado di alterare i meccanismi dell’eiaculazione, pazienti con lesioni al midollo spinale, pazienti con un severo e progressivo peggioramento della qualità del seme, pazienti criptozoospermici (numero limitato di spermatozoi), pazienti affetti da patologie che necessitano di terapie inducenti danni alla spermatogenesi (patologie neoplastiche, autoimmuni ecc.), pazienti che si sottopongono a vasectomia, pazienti esposti a sostanze potenzialmente genotossiche, pazienti inseriti in programmi di fecondazione medicalmente assistita (difficoltà psicologiche a raccogliere l’eiaculato al momento del prelievo ovocitario o assenza per motivi di lavoro il giorno della fecondazione).

Naturalmente il paziente si deve sottoporre a varie indagini di laboratorio (non oltre 3 mesi prima della crioconservazione del seme) e deve sottoscrivere un consenso informato, che regolerà il rapporto tra il paziente e la Banca del Seme. Se il paziente è minorenne è necessaria la presenza di entrambi i genitori o di chi esercita la potestà genitoriale.

Chi fosse interessato, dopo aver consultato in proposito il proprio medico di fiducia, può scrivere per un appuntamento all’indirizzo mail amb.endocrinologia@policlinicoumberto1.it Citando l’accordo AIMAR-Policlinico Umberto I, si può chiedere della professoressa Donatella Paoli. Telefono 06 49970715, fax 06 49970717.