“Festeggiamo i vent’anni della nostra Federazione, proprio nel giorno della Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza ed è un momento in cui si evidenziano le problematiche di ben cinque milioni di italiani.
Oggi, infatti, una persona oncologica dichiara pubblicamente: «Io ho il cancro», ma nessuno dichiarerà mai «Io ho il pannolone».

L’incontinenza è l’ultimo tabù medico e le Istituzioni devono essere al fianco di chi ci convive. Proprio alle Istituzioni, dunque, lanciamo un appello, affinché questa patologia venga rivalutata, consentendo percorsi adeguati, che rendano in particolare le donne libere finalmente di uscire di casa e di far risparmiare al Servizio Sanitario Nazionale e a quelli Regionali milioni di euro annui in acquisto improprio di pannoloni».

A dichiararlo è Francesco Diomede, presidente della FINCOPP (Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico), oggi, 28 giugno, che è la XIV Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza.
All’amico Francesco Diomede la vicinanza di tutti noi di AIMAR e gli auguri per il convegno in corso a Bari di FINCOPP.